Homepage 2018-01-17T20:03:26+00:00

RIFLESSIONI A MARGINE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 4 DICEMBRE

Lunedì 4 Dicembre si è riunito il Consiglio comunale di Avigliana.
Non una nuova seduta, ma il proseguimento del Consiglio della settimana precedente, che per abbondanza di punti e per precedenti accumulati ritardi non ha potuto esaurirne la trattazione nei tempi previsti dal Regolamento.
L’impressione, come per i Consigli precedenti, è la forte situazione di stallo, forse i tempi dovrebbero essere maggiormente rispettati come anche l’ordine degli interventi.
Ancora una volta si è assistito a repliche ad oltranza e al tentativo di avere a tutti i costi l’ultima parola da parte di alcune forze di minoranza, senza alcun rispetto di quanto normato dal Regolamento del Consiglio.
Ci riferiamo in particolar modo al punto relativo alla lettera aperta al Governo sulle criticità della legge Lorenzin e alla riqualificazione del monumento al ciclista Valetti.
Nel primo caso l’odg era presentato in forma congiunta (maggioranza e minoranze), al termine di un articolato processo partecipativo, che ha visto impegnati sull’argomento più Consigli comunali e 2Commissioni congiunte istruzione e sanità e che, anziché arrivare immediatamente ad una semplice ratifica ha invece ancora visto sprecare fiumi di parole e prezioso tempo di una seduta già pienissima di punti.
Altrettanto è accaduto per il secondo argomento, che ha nuovamente visto molti consiglieri impegnati in lunghissime discussioni sterili.
La polemica è nata dalla scelta del gruppo M5S di lasciar presentare dalla maggioranza, con le loro integrazioni, quella che era stata una sua mozione(ormai vecchia di mesi), a suo tempo formalmente accolta in modo unanime e favorevole dal Consiglio e non chiusa con un voto direttamente in quella occasione solo per la consueta mancanza di tempo.
La scelta di accettare un rinvio e di consentire alla Maggioranza di presentare una propria mozione, che accogliesse in pieno quella originariamente presentata è stata variamente interpretata e criticata da alcune minoranze, ma da parte del M5S è stata esclusivamente dettata dalla necessità di non precludersi la possibilità di presentare altre mozioni e di accelerare i tempi di lavoro.
La Consigliera Callegari ha in modo netto e perentorio (con un intervento applaudito dalla sala)rifiutato strumentalizzazioni politiche sul tema e la stessa Maggioranza è stata costretta a riconoscere il merito di una azione il cui fine ultimo è esclusivamente il miglioramento e la valorizzazione di Avigliana.
Resta il disappunto nel dover prendere atto che, per l’ennesima volta, il Consiglio non è stato in grado di concludere nei tempi l’ordine dei lavori e che a farne le spese sono state nuovamente le due mozioni presentate dal M5S, che sono state nuovamente rinviate al Consiglio successivo (nello specifico a quello che prevedrà l’approvazione del bilancio e che già si immagina sforerà nei tempi).
Le mozioni in oggetto riguardano rispettivamente la richiesta di miglioramento del decoro e dell’arredo di Largo Beato Umberto (mozione sostenuta anche da una raccolta firme di cittadini) e la richiesta di trasformazione di un terreno comunale oggi edificabile, in terreno agricolo, con la realizzazione di orti urbani di qualità.
E’ un peccato che tali argomenti continuino a essere rinviati; dispiace per i cittadini firmatari delle mozioni, dispiace per alcune mancate migliorie della parte più trascurata del centro storico, dispiace per un progetto di miglioramento di aree verdi di cui tutta Avigliana potrebbe godere.
Auspichiamo decisamente in un miglioramento delle tempistiche nei prossimi Consigli!!!

dicembre 12th, 2017|Categories: Consigli Comunali, Home|0 Comments

GLI ALTRI ARGOMENTI DEL CONSIGLIO DEL 4 DICEMBRE

Installazione telecamere.

Ovviamente il voto del M5S è stato favorevole: faceva parte del programma elettorale.
La Consigliera Callegari tuttavia ha sottolineato che non sono sufficienti e ha chiesto che venga
seriamente preso in considerazione il fatto che per i giovani urge fare di più e che nella
Commissione da lei presieduta si adopererà proprio per affrontare questo tema che sta
particolarmente a cuore al Gruppo consiliare.

Mozione sul censimento e abbattimento delle barriere architettoniche.

Anche questo punto non poteva che trovare l’accordo del Gruppo M5S, che aveva già chiesto agli
uffici preposti se esistesse in Avigliana una consulta disabili da coinvolgere sul tema e quindi da
convocare al più presto. L’assessore Tavan giustifica la nuova scala che collega l’area Riva con il
centro storico priva di scivoli per disabili perché è già presente da anni un collegamento che la
incrocia, cioè quello che parte dalla scuola Defendente Ferrari e raggiunge la scuola N. Rosa.
Riguardo a questa sua affermazione il gruppo M5S fa notare che tale risalita inghiaiata, è del tutto
inadatta ai disabili, tanto che non offre neppure la possibilità ad un bambino di trascinarvi un trolley
pur essendo un ottimo e risolutivo percorso piedibus.

Mercato settimanale su Corso Torino.

Anche la nostra Consigliera è intervenuta con fermezza su questo punto per fare in modo che non
venisse immediatamente bocciata la mozione. E sul delicato tema del commercio la Consigliera
Callegari ha accennato l’argomento tabù che dalla campagna elettorale in poi ha dovuto registrare
l’assordante silenzio da parte di tutti gli attori presenti nella scorsa legislatura: il nuovo centro
commerciale di corso Europa. Tanto è che il Sindaco ha colto l’occasione per specificare che gli
oneri di urbanizzazione, del sopra citato polo commerciale, saranno destinati alla riqualifica
urbanistica di Corso Torino.
Il gruppo M5S avrà modo a breve di tornare sull’argomento in modo più circostanziato e puntuale,
ma fin d’ora è bene sottolineare che purtroppo la conoscenza del tema da parte dei cittadini è
sicuramente assai limitata.
Su questo, come sugli altri punti, il M5S di Avigliana tiene fede ai suoi capisaldi: sicurezza in
concomitanza ad interventi sociali seri, attenzione alle fasce di popolazione più fragili, tutela del
verde e del piccolo commercio, contrarietà assoluta alla speculazione edilizia.

dicembre 12th, 2017|Categories: Consigli Comunali, Home|0 Comments

L’interminabile ed acceso Consiglio comunale di Avigliana, tenutosi il 27 novembre

L’interminabile ed acceso Consiglio comunale di Avigliana, tenutosi il 27 novembre inizia come di consueto con le comunicazioni.
Queste quelle della consigliera pentastellata Tatjana Callegari

COMUNICAZIONI

Nelle ultime settimane si sono verificati fatti rilevanti per il nostro Comune e per la nostra Valle e tantissime sarebbero le comunicazioni da fare al riguardo: gli incendi che hanno devastato, anche nelle ultime ore, la nostra terra e le nostre comunità, gli atti vandalici nei nostri spazi pubblici, il programmato cambio di gestione e l’ipotesi di esternalizzazione della biblioteca comunale…
Poiché però l’articolo 48 del Regolamento del Consiglio (che troppe volte ci dimentichiamo di applicare) ci assegna appena 3 minuti per la trattazione delle Comunicazioni, mi limiterò a ringraziare i colleghi di maggioranza e minoranza per aver voluto accogliere nella Commissione vaccini la proposta di lettera del nostro gruppo e a ricordare a tutti noi la necessità di vigilare sui tempi, sui modi e sulla qualità dei lavori che stanno coinvolgendo il nostro Ospedale, senza dimenticare che il necessario temporaneo trasferimento dei pazienti all’Ospedale di Rivoli comporta inevitabilmente disagi per i malati e i loro familiari.
Voglio inoltre richiamare l’attenzione del Consiglio sul tema del gioco d’azzardo, sollevato dalle recenti nuove norme regionali varate per contrastare la ludopatia. Abbiamo letto nei giorni scorsi le dichiarazioni del Sindaco in merito e ci aspettiamo quindi una applicazione della legge regionale rapida nei tempi e ferma nella sostanza. Su questo tema come sul precedente auspichiamo da parte dell’Amministrazione la massima attenzione e ci auguriamo non si renda prossimamente necessaria la presentazione di puntuali interrogazioni.

VARIAZIONE di BILANCIO

Le variazioni di bilancio presentate in Consiglio e già in parte discusse in Commissione Bilancio fanno rilevare minori entrate regionali (su scuola e fasce deboli), maggiori entrate e rimborsi Acsel e una serie di nuovi investimenti, sui quali abbiamo soffermato la nostra attenzione.
In particolare abbiamo cercato di fare chiarezza sugli utili ACSEL, e soprattutto sul rimborso di 39.100 € per costi non sostenuti nel 2016.
Il tentativo di ricevere risposte chiare rispetto all’origine questi utili e ai mancati risparmi in bolletta per i cittadini ha prodotto riposte purtroppo poco chiare da parte degli assessori competenti. L’augurio è che in una prossima commissione consiliare, magari precisamente dedicata al tema, si possa dipanare l’ingarbugliata matassa.

Altro tema rilevante e oggetto di acceso e prolungato dibattito è stato quello della Casa per Ferie di Piazza Conte Rosso.
Siamo sollevati dal fatto che l’Amministrazione abbia finalmente compreso la necessità di rendere fruibile la struttura con SOLI 2 ANNI di RITARDO!!!
L’ultimo bando per l’assegnazione dell’Ostello, che avrebbe accollato le spese di ristrutturazione ai nuovi gestori, prevedeva una spesa di 220.000 € (che oggi si sono magicamente ridotte a 160.000€) è andato logicamente deserto, provocando la chiusura della Casa con conseguenti danni non solo di immagine, ma anche economici, in quanto l’attività aveva importanti ricadute occupazionali, sociali e culturali.
Oramai dopo 2 stagioni di fermo, i futuri gestori dovranno ripartire da zero, essendo vanificati gli 8 anni di avviamento, promozione e fidelizzazione. Aspetti dei quali l’allora assessore al turismo, oggi Sindaco, pare non essersi preoccupato.
Saremo comunque attenti a tutte le voci di spesa del preventivo di 160.000 €, al cronoprogramma e al futuro bando, sul quale vigileremo con grande rigore, per impedire che venga ulteriormente depauperato il patrimonio culturale e turistico del nostro Centro storico.

Molti dubbi sono stati sollevati sui lavori di rifacimento stradale di Via Umberto (tratto P.zale Buone Volontà– P.za San Giovanni) e di Via Garibaldi (dalla scalinata a via Mazzini, con guida centrale). L’ennesimo lotto di lavori della storia pare infinita e certamente assai travagliata di Via Umberto I prevede una spesa di 120.000 €.
I lavori su via Umberto I sembrano essere diventati quasi una ossessione dell’Amministrazione e un accanimento sul centro storico, con i conseguenti disagi per gli ormai pochi esercizi commerciali sopravvissuti e per i cittadini residenti. E se si apprende che in via Garibaldi verrà costruita una guida centrale per permettere l’accesso a casa a cittadini con difficoltà motorie, non si può non notare che tale attenzione non è stata purtroppo posta nella realizzazione della scalinata della stessa via. Probabilmente questi cittadini meno fortunati dovranno trovare vie alternative per raggiungere il centro storico.
Ci si chiede inoltre se non ci sono in Avigliana altre aree che necessitano di un rifacimento stradale più urgente: magari Corso Torino, via che pare oramai abbandonata e che fra poco rischierà di essere annientata economicamente dal futuro centro commerciale?

Altro tema oggetto di dibattito è stata la preventivata spesa di 20.000 € per l’acquisto di cestini per l’immondizia, soprattutto da destinare a Corso Laghi.
Apparentemente lodevole iniziativa, per quanto piuttosto onerosa (costeranno infatti 600 € l’uno). Lo scandalo sta nel fatto che si tratta non di cestini per la raccolta differenziata, ma di normalissimi cestini per rifiuti indifferenziati! E la motivazione addotta dall’assessore competente ha dell’incredibile: poiché i cittadini non sarebbero in grado di attuare l’impegno della differenziata e poiché l’ACSEL non svolge una raccolta differenziata stradale, tanto vale acquistare cestini solo per l’indifferenziata.
Dunque, anziché puntare al meglio e promuovere una crescita di senso civico, l’Amministrazione preferisce spendere una cifra ingente per una soluzione tutt’altro che ecologica.

novembre 29th, 2017|Categories: Consigli Comunali, Home|0 Comments

Programma 2017-2022

Un affiatato gruppo di attivisti, cittadini con competenze e passioni, che vogliono far sì che Avigliana possa esprimere finalmente al meglio tutte le sue enormi potenzialità.

Noi del Movimento 5 stelle:
– crediamo che, se ci si pone degli obiettivi concreti e non faraonici, in sintonia con le caratteristiche del territorio, si possa fare moltissimo per Avigliana.
– sappiamo che una componente importante della felicità della comunità passa attraverso la partecipazione diretta dei cittadini alle scelte dell’amministrazione.
– siamo certi che il Comune debba essere l’ente più vicino al cittadino e che sia suo compito stimolare in tutti il senso civico e l’orgoglio di appartenere alla propria bella città.

SCARICA IL PROGRAMMA IN PILLOLE
SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO

Vuoi saperne di più?

Iscriviti alla nostra newsletter!